Progetto di ricerca H2Olivo

Gestione sostenibile di impianti di ulivo attraverso tecniche di irrigazione deficitaria e uso di acque reflue
 
Il Progetto “Gestione sostenibile di impianti di ulivo attraverso tecniche di irrigazione deficitaria e uso di acque reflue – H2OLIVO”, finanziato dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo – MIPAAFT, con fondi finalizzati alla realizzazione di progetti di ricerca nell’ambito del settore oleicolo – oleario (D.M. n. 30311 del 31/10/2018 del Dipartimento delle Politiche Europee ed Internazionali e dello Sviluppo Rurale), è realizzato dall’Università di Catania – Dipartimento Di3A e dal CSEI Catania.
 
Il Progetto ha avuto inizio a maggio 2019 ed avrà una durata di 36 mesi.
 

I PARTNER

Soggetti proponenti

L’Università di Catania - Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A) raggruppa professori e ricercatori afferenti a diversi settori scientifico-disciplinari dell’area scientifica 07 - Scienze agrarie e veterinarie. La "mission" del Dipartimento è quella di contribuire al miglioramento della formazione e della ricerca nell'ambito dell'agricoltura, delle produzioni agroindustriali e della tutela dell'ambiente nel Bacino del Mediterraneo e preparare i futuri professionisti che promuoveranno le conoscenze in questi campi. Il Dipartimento riunisce in sé gruppi di ricerca comprendenti diversi settori scientifico-disciplinari che svolgono attività di ricerca nell'ambito della Gestione dell'agroecosistema, Colture alimentari e non alimentari, Biotecnologie vegetali, Ingegneria, Chimica, Economia Agro-alimentare, Entomologia applicata, Tecnologie alimentari, Biotecnologie animali. Il Dipartimento ha numerosi laboratori a supporto delle attività di ricerca e di didattica. I ricercatori del Di3A attraggono finanziamenti da enti pubblici nazionali e internazionali nonché attraverso contratti e convenzioni con imprese private, a testimonianza di una fervente attività di trasferimento delle innovazioni e della capacità maturate all'interno del Dipartimento.
Il Di3A dispone di idonee strutture didattiche, di attrezzati e moderni laboratori e di ricche biblioteche.
 
Il CSEI Catania è un ente senza scopo di lucro costituito nel 1975, nel quadro dell’intervento straordinario per lo sviluppo del Mezzogiorno, ad iniziativa del FORMEZ, della Cassa per il Mezzogiorno, dell’Università di Catania, della SVIMEZ e della Fondazione Politecnica del Mediterraneo. Finalità del CSEI Catania è di contribuire a promuovere lo sviluppo socio-economico del Mezzogiorno d’Italia nell’area della gestione delle acque, dei sistemi di disinquinamento dell’ambiente idrico, dei sistemi di tutela dell’ambiente dall’inquinamento e in generale nell’area della gestione delle risorse naturali.
Per perseguire tale finalità il CSEI Catania svolge attività di ricerca applicata, di formazione e di assistenza tecnico-organizzativa orientate allo sviluppo delle capacità operative e innovative degli organismi pubblici e privati che nel Mezzogiorno operano nell’area delle risorse naturali. Inoltre il CSEI Catania si occupa, nell’ambito delle commesse di ricerca affidate, anche dell’organizzazione di eventi di divulgazione dei Progetti di ricerca.
 

IL PROGETTO

L’obiettivo generale del Progetto è quello di valutare la risposta degli olivi a variazioni quali-quantitative dell'apporto idrico.
 
Nel dettaglio, gli obiettivi specifici di ricerca che si intendono perseguire tramite il Progetto sono:
- O1: valutare l’efficienza depurativa di un sistema di fitodepurazione per il riuso delle acque reflue a scopo irriguo in campo olivicolo;
- O2: introdurre strategie innovative di irrigazione deficitaria (ID) in combinazione con impiego di acque non convenzionali per l’irrigazione di colture olivicole;
- O3: valutare gli effetti dell’irrigazione con acque reflue depurate sul sistema di irrigazione
- O4: valutare gli effetti fisiologici e produttivi su impianti olivicoli connessi al riuso delle acque reflue a scopo irriguo o all’ID
- O5: valutare la composizione degli acidi grassi dell’olio in relazione alle diverse tesi in analisi
- O6: fornire giudizi di convenienza economica a supporto delle scelte economico-gestionali
 
La sperimentazione è svolta presso l’azienda agrituristica Valle dei Margi (Grammichele, CT). L’azienda presenta un campo collezione di 120 piante di olivi di 4 cultivar a duplice attitudine: ‘Carolea’, ‘Moresca’, ‘Nocellara Etnea’ e ‘San Benedetto’. L’azienda è dotata di un impianto di fitodepurazione per il trattamento secondario e di affinamento delle acque reflue civili provenienti dalle attività agrituristiche con destinazione di scarico su corpo idrico superficiale. Tale sistema è stato ottimizzato per garantire gli standard qualitativi per il riuso a scopo irriguo delle acque reflue depurate in accordo con la normativa vigente (DM 185/2003).
 

DIVULGAZIONE

 
Seminario di presentazione del Progetto – Catania, 23/10/2019
 

DOCUMENTI

 

LINK

- Ministero delle Politiche Agricole (www.politicheagricole.it)